Archivio news

24/02/2020

Usura e ius variandi nei rapporti bancari

Articolo sul tema "Usura e ius variandi nei rapporti bancari", di Camillo Testori.   ArticoloLeggi tutto

04/09/2018

Il Tribunale di Brescia si pronuncia sull'efficacia esecutiva del capo condannatorio della sentenza che accoglie l'azione revocatoria fallimentare

Con ordinanza del 23.08.2018, il Tribunale di Brescia (Giudice dell’esecuzione Dott. Marco Calli) ha riconosciuto l’efficacia esecutiva, Leggi tutto

04/04/2018

Nuova sentenza del Tribunale di Brescia in tema di anatocismo e prescrizione del diritto di ripetizione dell'indebito

Con sentenza n.916 del 23 marzo 2018, il Tribunale di Brescia (Giudice Dott. Marina Mangosi) ha precisato che in assenza di contestazioni circa l’avvenuta Leggi tutto

News dello studio

nov4

04/11/2020

L’usurarietà originaria, nell’ambito di un rapporto di conto corrente, va verificata sia con riferimento al momento della stipula del contratto sia con riguardo alle eventuali successive pattuizioni modificative, concordate o unilaterali.

Il principio è stato affermato dal Tribunale di Mantova con sentenza del 6 ottobre 2020 (Giudice Dott. Francesca Arrigoni). La pronuncia si allinea all’orientamento maggioritario della giurisprudenza,

feb24

24/02/2020

Usura e ius variandi nei rapporti bancari

Articolo sul tema "Usura e ius variandi nei rapporti bancari", di Camillo Testori.   Articolo

mar8

08/03/2019

E’ ammissibile la domanda di ripetizione dell’indebito riferita a un conto corrente chiuso in corso di causa, purché l’estinzione del rapporto e la relativa allegazione siano avvenute entro il termine previsto dall’art.183, 6° comma, n.1, c.p.c.

Il principio è stato recentemente affermato dal Tribunale di Brescia (sentenza del 23.02.2019, Giudice Dott. Canali), il quale ha ritenuto che la domanda fosse stata ritualmente proposta in quanto,

News Giuridiche

set25

25/09/2022

La vendita di immobile privo di certificato di abitabilità

La fattispecie descritta nel titolo si

set24

24/09/2022

Lavoro e infelicità: il nuovo binomio post Covid-19?

Non è una novità, anzi potrebbe definirsi